Financier ai pomodori secchi

di Patrizia Malomo.

Antipastini/aperitivo che si fanno in un battibaleno e che potrete variare come più vi piace, da un’idea presa e liberamente interpretata dal libro Finger Food di Viviana Lapertosa.

La preparazione dei financier di cui questi golosi antipasti hanno solo la forma, è esattamente identica a quella per realizzare dei muffin dolci o salati.

La regola aurea è separare gli ingredienti secchi da quelli liquidi e mescolare il tutto pochissimo per non compromettere la texture finale che deve essere morbida e spugnosa.

Sono perfetti per un aperitivo in terrazza, serviti tiepidi con uno Spritz o una bella birretta appena tolta dal frigo.

Ingredienti per cca 20 financier:

Gli Ingredienti

  • 250 g di farina 0 macinata a pietra
  • 8 g di lievito in polvere per preparazioni salate
  • 150 g di uova sbattute leggermente
  • 80 g di olio extravergine di oliva (La Gallinara)
  • 120 g di latte parzialmente scremato a temperatura ambiente
  • 100 g di pomodorini secchi sottolio (La Gallinara)
  • 120 g di scamorza di fiordilatte tagliata a dadini
  • 1 cucchiaino di pesto di pomodorini secchi (facoltativo, Pesto Rosso La Gallinara)
  • mezzo cucchiaino di origano secco
  • 1 cucchiaino di sale

La Preparazione

Mescolate gli ingredienti liquidi in una ciotola: le uova sbattute con il latte e l’olio.
Setacciate la farina in una ciotola con il lievito, aggiungete il sale, i pomodorini asciugati dal loro olio e tagliati a filetti, la scamorza a dadini, l’origano ben sbriciolato fra i palmi delle mani. Mescolate bene e fate una fontana.
Al centro versate il composto liquido e con un cucchiaio di legno incorporate la farina mescolando velocemente non più di 7/8 volte.
Non importa se vedrete grumi. Deve essere cos’.
Versate il composto riempiendo per 2/3 uno stampo di silicone per financier/minicake o dei pirottini da muffin, e fate cuocere in forno preriscaldato a 190° per c.ca 18 minuti.
Controllate con lo stecchino il grado di cottura. Devono essere dorati e asciutti.
Fate raffreddare 10 minuti quindi sformate e fate intiepidire su una gratella.
Servite tiepidi, ma anche caldi non sono niente male!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 − 4 =