Financier ai pomodori secchi

di Patrizia Malomo.

Antipastini/aperitivo che si fanno in un battibaleno e che potrete variare come più vi piace, da un’idea presa e liberamente interpretata dal libro Finger Food di Viviana Lapertosa.

La preparazione dei financier di cui questi golosi antipasti hanno solo la forma, è esattamente identica a quella per realizzare dei muffin dolci o salati.

La regola aurea è separare gli ingredienti secchi da quelli liquidi e mescolare il tutto pochissimo per non compromettere la texture finale che deve essere morbida e spugnosa.

Sono perfetti per un aperitivo in terrazza, serviti tiepidi con uno Spritz o una bella birretta appena tolta dal frigo.

Ingredienti per cca 20 financier:

Gli Ingredienti

  • 250 g di farina 0 macinata a pietra
  • 8 g di lievito in polvere per preparazioni salate
  • 150 g di uova sbattute leggermente
  • 80 g di olio extravergine di oliva (La Gallinara)
  • 120 g di latte parzialmente scremato a temperatura ambiente
  • 100 g di pomodorini secchi sottolio (La Gallinara)
  • 120 g di scamorza di fiordilatte tagliata a dadini
  • 1 cucchiaino di pesto di pomodorini secchi (facoltativo, Pesto Rosso La Gallinara)
  • mezzo cucchiaino di origano secco
  • 1 cucchiaino di sale

La Preparazione

Mescolate gli ingredienti liquidi in una ciotola: le uova sbattute con il latte e l’olio.
Setacciate la farina in una ciotola con il lievito, aggiungete il sale, i pomodorini asciugati dal loro olio e tagliati a filetti, la scamorza a dadini, l’origano ben sbriciolato fra i palmi delle mani. Mescolate bene e fate una fontana.
Al centro versate il composto liquido e con un cucchiaio di legno incorporate la farina mescolando velocemente non più di 7/8 volte.
Non importa se vedrete grumi. Deve essere cos’.
Versate il composto riempiendo per 2/3 uno stampo di silicone per financier/minicake o dei pirottini da muffin, e fate cuocere in forno preriscaldato a 190° per c.ca 18 minuti.
Controllate con lo stecchino il grado di cottura. Devono essere dorati e asciutti.
Fate raffreddare 10 minuti quindi sformate e fate intiepidire su una gratella.
Servite tiepidi, ma anche caldi non sono niente male!

This entry was posted in Senza categoria. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *